Come funzionano gli scambi in borsa

NYSE Trading

Gli scambi in borsa sono dei mercati dove si comprano e vendono titoli finanziari, come azioni, obbligazioni, derivati, valute e materie prime. Gli scambi in borsa hanno lo scopo di facilitare il trasferimento di capitale tra gli investitori e le società, e di fornire informazioni sui prezzi e sulla domanda e offerta dei titoli.

Chi partecipa agli scambi in borsa?

Gli scambi in borsa sono frequentati da diversi tipi di partecipanti, tra cui:

  • Emettitori: sono le società che emettono i titoli per raccogliere fondi. Gli emettitori devono rispettare dei requisiti di ammissione e di trasparenza per poter quotare i loro titoli in borsa.
  • Investitori: sono coloro che acquistano e vendono i titoli per ottenere un rendimento o una diversificazione del rischio. Gli investitori possono essere istituzionali (come fondi pensione, banche, assicurazioni, ecc.) o privati (come risparmiatori, imprenditori, ecc.).
  • Intermediari: sono gli operatori che facilitano le transazioni tra gli investitori. Gli intermediari possono essere broker, dealer, market maker, agenti di cambio, ecc. Gli intermediari devono avere una licenza e rispettare delle regole di condotta per operare in borsa.
  • Regolatori: sono le autorità che vigilano sul funzionamento degli scambi in borsa e sulla tutela degli investitori. I regolatori possono essere nazionali (come la Consob in Italia) o sovranazionali (come l'ESMA in Europa).

Come avvengono gli scambi in borsa?

Gli scambi in borsa avvengono attraverso dei sistemi elettronici che mettono in contatto la domanda e l'offerta dei titoli. I sistemi elettronici possono essere di due tipi:

  • Order-driven: sono i sistemi che formano il prezzo in base agli ordini inseriti dagli investitori. Gli ordini possono essere di due tipi: a mercato (eseguiti al miglior prezzo disponibile) o a limite (eseguiti solo se il prezzo raggiunge un determinato livello). Gli ordini sono visibili in un libro degli ordini, che mostra la quantità e il prezzo degli ordini per ogni titolo. Il prezzo di un titolo è determinato dall'incrocio tra la domanda e l'offerta, secondo il principio del prezzo più alto per il venditore e del prezzo più basso per l'acquirente.
  • Quote-driven: sono i sistemi che formano il prezzo in base alle quotazioni fornite dagli intermediari. Gli intermediari possono essere di due tipi: dealer (che comprano e vendono i titoli per conto proprio) o market maker (che si impegnano a fornire liquidità al mercato, offrendo un prezzo di acquisto e uno di vendita per ogni titolo). Le quotazioni sono visibili in un libro delle quotazioni, che mostra il prezzo di acquisto e di vendita offerto da ogni intermediario per ogni titolo. Il prezzo di un titolo è determinato dalla differenza tra il prezzo di acquisto e quello di vendita, detta spread.

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi degli scambi in borsa?

Gli scambi in borsa presentano dei vantaggi e degli svantaggi, sia per gli emettitori che per gli investitori. Tra i vantaggi, possiamo citare:

  • Liquidità: gli scambi in borsa consentono di comprare e vendere i titoli in modo rapido e semplice, grazie alla presenza di molti operatori e di sistemi elettronici efficienti.
  • Trasparenza: gli scambi in borsa forniscono informazioni chiare e tempestive sui prezzi e sulle quantità scambiate dei titoli, grazie alla diffusione dei dati di mercato e alla pubblicazione dei bilanci e delle comunicazioni degli emettitori.
  • Diversificazione: gli scambi in borsa offrono una vasta gamma di titoli e di opportunità di investimento, grazie alla presenza di diversi settori, paesi e strumenti finanziari.

Tra gli svantaggi, possiamo citare:

  • Volatilità: gli scambi in borsa sono soggetti a forti oscillazioni dei prezzi dei titoli, a causa di fattori economici, politici, sociali e psicologici che influenzano la domanda e l'offerta.
  • Rischio: gli scambi in borsa comportano il rischio di perdere tutto o parte del capitale investito, a causa di eventi imprevisti o di frodi che possono colpire gli emettitori o gli intermediari.
  • Costi: gli scambi in borsa richiedono il pagamento di commissioni e di imposte per le operazioni effettuate, che possono ridurre il rendimento netto degli investimenti.

Le 10 borse mondiali in ordine di capitalizzazione

La tabella seguente mostra i 10 mercati azionari più grandi del mondo per capitalizzazione di mercato ad aprile 2020:

Rank Exchange Market Capitalization
1 New York Stock Exchange (NYSE) $28.19 trillion
2 NASDAQ $12.98 trillion
3 Japan Exchange Group $5.37 trillion
4 Shanghai Stock Exchange $4.92 trillion
5 Hong Kong Exchanges $4.48 trillion
6 Euronext $3.85 trillion
7 Shenzhen Stock Exchange $3.49 trillion
8 London Stock Exchange $3.13 trillion
9 Saudi Stock Exchange $2.15 trillion
10 TMX Group $1.97 trillion

Capitalizzazione di mercato

google adv.