Trend di investimento per il 2024

dove investire nel 2024

Il 2024 si prospetta come un anno di incertezza e cautela, ma anche di grandi opportunità di investimento. Secondo gli esperti, i settori dove investire, i più interessanti per il 2024 sono:

  • Investire in Tecnologia

    con l'avvento dell'intelligenza artificiale e della robotica, il settore tecnologico è destinato a crescere ancora nel 2024. Il trend in questo settore è molto positivo.

L'avvento dell'intelligenza artificiale (IA) sta rivoluzionando il settore tecnologico in tutto il mondo. Nel 2024, l'IA avrà un impatto ancora maggiore sulla tecnologia, portando a nuove innovazioni e cambiamenti significativi.

Uno dei settori che vedrà maggiori cambiamenti grazie all'IA è l'industria manifatturiera. L'IA sarà utilizzata per migliorare l'efficienza dei processi produttivi, ridurre i costi e aumentare la qualità dei prodotti. Ciò porterà a una maggiore competitività delle aziende manifatturiere e a una maggiore soddisfazione dei clienti.

L'IA avrà anche un impatto significativo sul settore dei trasporti. I veicoli autonomi diventeranno sempre più comuni, migliorando la sicurezza stradale e riducendo i tempi di viaggio. Inoltre, l'IA sarà utilizzata per ottimizzare le rotte di consegna e ridurre i costi di trasporto.

Un altro settore che vedrà un grande impatto dell'IA è quello della salute. L'IA sarà utilizzata per migliorare la diagnosi e il trattamento delle malattie, riducendo i tempi di attesa e migliorando la precisione delle diagnosi. Ciò porterà a una maggiore efficacia dei trattamenti e a una maggiore soddisfazione dei pazienti.

In sintesi, l'avvento dell'intelligenza artificiale porterà a grandi cambiamenti nel settore tecnologico nel 2024 e oltre. L'IA sarà utilizzata per migliorare l'efficienza, ridurre i costi e aumentare la qualità dei prodotti e dei servizi in molti settori diversi.

  • Criptovalute

     Le criptovalute stanno diventando sempre più popolari come forma di investimento alternativa. Anche i mercati tradizionali regolamentati si stanno avvicinando al mondo delle criptovalute, sarà molto interessante vedere l'evoluzione nel corso del 2024.

Il 2024 potrebbe essere un anno interessante per il mercato delle criptovalute. Secondo gli esperti, ci sono alcune tendenze che potrebbero influenzare il prezzo delle criptovalute. Ecco alcune delle previsioni più rilevanti:

    1. Bitcoin raggiungerà nuovi massimi storici: L'ascesa del Bitcoin sembra altamente probabile nel 2024, anche alla luce dei diversi fattori spiegati dagli esperti.
    2. Le criptovalute NFT continueranno a crescere: Gli NFT (non-fungible token) sono stati una grande tendenza nel 2023 e si prevede che continueranno a crescere nel 2024.
    3. Le criptovalute DeFi diventeranno sempre più popolari: Le criptovalute DeFi (Decentralized Finance) stanno guadagnando popolarità e si prevede che continueranno a farlo nel 2024.
    4. Le criptovalute green diventeranno sempre più importanti: Con l'aumento dell'attenzione sul cambiamento climatico, le criptovalute green stanno diventando sempre più importanti. Si prevede che questa tendenza continuerà nel 2024.

Queste sono solo alcune delle previsioni per il mercato delle criptovalute nel 2024. Tuttavia, è importante ricordare che le previsioni sui mercati - tanto più sul mercato delle criptovalute, così volatile - spesso lasciano il tempo che trovano. Quindi, prendi queste previsioni con le pinze e fai le tue ricerche prima di investire in criptovalute.

  • Gaming

     il settore dei videogiochi è in costante crescita e si prevede che continuerà a crescere anche nel 2024.

Secondo gli analisti di Jon Peddie Research, il settore dell'hardware gaming per PC sta vivendo una fase di crisi che sembra destinata a protrarsi ancora per tutto il 2023. Tuttavia, le previsioni per il 2024 sono molto più positive, con una ripresa prevista del mercato globale del gaming su PC.

La fonte prevede che sarà soprattutto la fascia entry level la protagonista, almeno a livello di proporzioni, con un +45% rispetto al 2022 rispetto a un mero +17% della fascia alta e addirittura un -8% di quella intermedia.

Per quanto riguarda i display, si prevede che saranno molto gettonati quelli ultra-wide con risoluzioni tra il 5K e addirittura l’8K

Infine, il settore del gaming vedrà una crescente tendenza alle partnership tra gli studios di Hollywood e le società di gioco, finalizzate alla co-monetizzazione della proprietà intellettuale

  • Corporate bond

     secondo gli esperti, il reddito fisso sarà uno dei settori più interessanti per il 2024, soprattutto i corporate bond e i titoli di Stato.

Secondo le previsioni di Natalie N. Trevithick, responsabile delle strategie US Investment Grade Corporate di Payden & Rygel, il 2024 potrebbe rivelarsi un anno davvero fruttuoso per i "corporate bond".

Le nostre previsioni macroeconomiche sono positive: la Fed dovrebbe avere effettivamente terminato le manovre di rialzo e, guardando ai dati macroeconomici ancora solidi, riteniamo che non ci saranno tagli dei tassi nel 2024. Il mercato del lavoro, infatti, è ancora in buona salute, così come la crescita costante del PIL avvenuta nel terzo trimestre, sebbene le previsioni per il quarto trimestre potrebbero essere molto più modeste. Si tratta di uno scenario piuttosto favorevole per le società investment grade e il 2024 potrebbe rivelarsi un anno davvero fruttuoso. Infatti, se i tassi d’interesse si mantenessero su livelli elevati, pur lontani dai massimi, si riscuoterebbero molte cedole, con rendimenti medi del 5-6%. Inoltre, nel caso in cui la Fed non optasse per un taglio dei tassi, significherebbe che l’economia sta godendo di ottima salute e che quindi lo spread non dovrebbe aumentare. Attualmente i fondamentali societari rimangono solidi e il forte rialzo dei tassi di interesse non ha avuto un impatto rilevante sui costi complessivi. Per quanto riguarda le società investment grade, non sono previsti grandi cambiamenti nelle loro previsioni di offerta per il 2024. Nel complesso, dunque, il 2023 si è rivelato un anno positivo per le imprese. Forse entro la fine dell’anno non raggiungeremo quei rendimenti del 5% inizialmente previsti e ci avvicineremo piuttosto al 4%, ma pensiamo che nel 2024 ci sarà una spinta in più, che dovrebbe avvicinarci al 6%. Fonte: Blue Rating

Che cosa sono i corporate bond?

Un corporate bond è un titolo di debito emesso da una società per finanziare le sue attività. Chi acquista un corporate bond presta denaro alla società emittente e riceve in cambio una serie di pagamenti di interessi e, nella maggior parte dei casi, il rimborso del capitale alla scadenza del bond.

Caratteristiche dei corporate bond

I corporate bond hanno diverse caratteristiche che li distinguono tra loro e dagli altri titoli di debito, come ad esempio:

  • La valuta: i corporate bond possono essere emessi in diverse valute, a seconda del mercato di riferimento e delle esigenze della società.
  • La durata: i corporate bond hanno una scadenza prefissata, che può variare da pochi mesi a diversi anni. In genere, maggiore è la durata, maggiore è il rendimento offerto dal bond.
  • Il tasso di interesse: i corporate bond possono avere un tasso di interesse fisso o variabile, che determina il flusso di cedole che il bond paga periodicamente al possessore. Il tasso di interesse dipende dal rischio di credito della società e dalle condizioni di mercato.
  • La cedibilità: i corporate bond possono essere negoziati sul mercato secondario, dove il loro prezzo varia in funzione della domanda e dell'offerta e dei fattori di mercato. Il prezzo di un corporate bond è inversamente proporzionale al suo rendimento: se il prezzo sale, il rendimento scende e viceversa.

Tipologie di corporate bond

I corporate bond si dividono in due grandi categorie in base al loro rating, ovvero alla valutazione della loro qualità creditizia effettuata da agenzie specializzate come Standard & Poor's, Moody's e Fitch. Le due categorie sono:

  • High Grade (o Investment Grade): sono i corporate bond con rating elevato (da AAA a BBB), che indicano una bassa probabilità di inadempienza da parte della società emittente. Questi bond offrono rendimenti inferiori rispetto ai bond con rating più basso, ma sono considerati più sicuri e stabili.
  • High Yield (o Non-Investment Grade, Speculative Grade o Junk Bond): sono i corporate bond con rating basso (da BB in giù), che indicano una maggiore probabilità di inadempienza da parte della società emittente. Questi bond offrono rendimenti superiori rispetto ai bond con rating più alto, ma sono considerati più rischiosi e volatili.

Vantaggi e svantaggi dei corporate bond

I corporate bond presentano vantaggi e svantaggi sia per le società emittenti che per gli investitori. Per le società, i vantaggi sono:

  • Poter accedere a fonti di finanziamento alternative o complementari al credito bancario.
  • Poter diversificare la struttura finanziaria e ottimizzare il costo del capitale.
  • Poter scegliere le caratteristiche del bond in base alle proprie esigenze e strategie.

Gli svantaggi sono:

  • Dover affrontare i costi di emissione e di gestione del bond, che possono essere significativi.
  • Dover rispettare gli obblighi e le limitazioni imposte dai bond, come ad esempio il pagamento delle cedole e il rispetto di determinati parametri finanziari.
  • Dover affrontare il rischio di rifinanziamento, ovvero la difficoltà di rimborsare il bond alla scadenza o di emettere nuovi bond a condizioni favorevoli.

Per gli investitori, i vantaggi sono:

  • Poter ottenere rendimenti superiori rispetto ad altri titoli di debito, come ad esempio i titoli di Stato.
  • Poter diversificare il portafoglio di investimento e beneficiare della maggiore liquidità dei corporate bond rispetto ad altre forme di investimento in società.
  • Poter scegliere i corporate bond più adatti al proprio profilo di rischio e di rendimento.

Gli svantaggi sono:

  • Dover affrontare il rischio di credito, ovvero la possibilità che la società emittente non paghi gli interessi o il capitale del bond.
  • Dover affrontare il rischio di mercato, ovvero la possibilità che il prezzo del bond vari in modo sfavorevole a causa di fattori esterni, come ad esempio il cambio dei tassi di interesse o la situazione economica generale.
  • Dover affrontare il rischio di liquidità, ovvero la difficoltà di vendere il bond a un prezzo adeguato in caso di necessità.

google adv.