Il portafoglio ideale e come gestirlo

Diversificare è la parola d'ordine. Per chi vuole ottenere guadagni e nello stesso tempo salvaguardare i propri risparmi le regole sono semplici, niente di scientifico, basta diversificare i propri investimenti. L'americano Harry Edson Browne (17 giugno, 1933 – 1 marzo 2006), analista finanziario e politico liberale, è stato tra i primi a sostenere questa tesi. Fu l'ideatore della tesi del "portafoglio permanente" (permanent portfolio),cioè, un portafoglio diversificato in quattro parti che ci garantiscono profitto e protezione nel caso di mercati contrari. Il nome "permanente" in quanto dovrebbe funzionare in ogni occasione, senza bisogno di essere modificato troppo spesso. In pratica dovremmo possedere il 25% di azioni, il 25% di titoli governativi a breve termine, un 25% di titoli governativi a lungo termine ed un 25% del nostro portafoglio investito in oro. La durata dell'investimento consigliata è di almeno 3 anni.

PermanentPortfolio.1972-2011

1970 + 4.1%

1980 + 22.1%

1990 – 0 .7%

2000 + 2.7%

1971 + 13.4%

1981 – 6.2%

1991 + 11.5%

2001 – 1.0%

1972 + 18.7%

1982 + 23.3%

1992 + 4.0%

2002 + 7.2%

1973 + 10.6%

1983 + 4.3%

1993 + 12.6%

2003 + 11.8%

1974 + 12.3%

1984 + 1.1%

1994 – 2 .4%

2004

1975 + 3.7%

1985 + 20.1%

1995 + 16.6%

2005

1976 + 10.1%

1986 + 21.7%

1996 + 5.2%

2006

1977 + 5.2%

1987 + 5.3%

1997 + 6.7%

1978 + 15.0%

1988 + 3.6%

1998 + 7.4%

1979 + 36.7%

1989 + 14.8%

1999 + 4.7%

Ecco il portafoglio ideale, tenendo comunque ben presente che nulla in finanza è matematicamente sicuro, infatti anche se raro uno Stato potrebbe fallire...insomma non c'è niente di sicuro.

Anche chi fa trading tutti i giorni dovrebbe avere un portafoglio "ideale" che lo salvaguardi dai giorni di trading negativi.

Pin it