GUIDA RAPIDA SULL'USO DEI GRAFICI


DIGITA LE INIZIALI DELLO STRUMENTO FINANZIARIO DI TUO INTERESSE NELLA CASELLA IN ALTO A SINISTRA NEL GRAFICO, SCEGLI POI LE OPZIONI:INTERVALLO DI TEMPO, INDICATORI, STILE...


 forum note

Ora collegati ad uno dei grafici real time

EURO/USD - PETROLIO - BITCOIN - ORO - EURO/JPY - EURO/CHF - USD/JPY - GBP/USD - GBP/EURO


SCEGLI TRA LE COPPIE PIÙ SCAMBIATE E INTERESSANTI DEI MERCATI INTERNAZIONALI CON UN CLICK! crea un account



Sul grafico scegli lo strumento che vuoi analizzare, il time frame ed utilizza le opzioni a disposizione per fare un'analisi tecnica del mercato e comprenderne il trend. Nel trend rialzista le candele sono verdi (mercato bullish) oppure se il trend è in ribasso le candele sono rosse (mercato bearish).
Al verificarsi di certe condizioni grafiche, si possono prevedere i futuri andamenti del prezzo, poiché gli investitori tendono a comportarsi sempre allo stesso modo.

Chi fa trading conosce i grafici e li usa quotidianamente. Seguire l'andamento dei prezzi in un grafico è avvincente e aiuta notevolmente il trader.
I vari tipi di grafici utilizzati nell’analisi sono:

  • Grafico a barre (bar chart)
  • Grafico a candele (candlestick chart)
  • Grafico a linea (line chart)

Il più utilizzato è il grafico a candele.
Su questo tipo di grafici, le candele formano i cosiddetti pattern ovvero delle combinazioni di candele che possono indicare l’avvio di movimenti rialzisti, oppure movimenti ribassisti dei mercati.
Non solo, l’analisi dei grafici consente di individuare dei comportamenti di prezzo che si ripetono e vengono definiti figure. Anche le figure possono essere:
figure di continuazione: quando indicano il proseguimento del trend in atto
figure di inversione: quando indicano l’esaurimento del trend in atto
I grafici indicano l’andamento dei prezzi in funzione della variabile temporale (il time-frame) su cui vengono impostati.

Indicatori tecnici - utili per l’interpretazione dei movimenti dei mercati

Esistono diverse categorie di indicatori, il trader esperto combina più indicatori di diverse categorie per aprire le proprie posizioni nei mercati

Le categorie:
Indicatori di trend

  • ADL, Advance Decline Line
  • è un indicatore di trend utilizzato per identificare e confermare la forza di un trend o per individuare possibili inversionidi trend
  • ADX, Average Directional Index
  • è uno strumento statistico utilizzato per misurare la forza, ovvero il momentum di un trend L’indicatore ADX viene utilizzato per e per stabilirne l’intensità, se il mercato è in fase di trend oppure in fase laterale
  • Aroon
  • è un indicatore tecnico utilizzato per l’identificazione dei trend e la possibilità di inversione
  • Directional Movement Index
  • è un indicatore sviluppato da J. Welles Wilder per identificare la presenza di trend
  • EMA
  • è la media mobile esponenziale (Exponential Moving Average) EMA è un indicatore lagging (strumenti statistici che forniscono un segnale dopo l’avvenuta formazione di un trend)
  • MACD
  • è l'acronimo di Moving Average Convergence/Divergence; è un indicatore tecnico di momentum utilizzato per l’identificazione delle medie mobili che indicano un trend, sia esso rialzista o ribassista
  • SAR (Stop And Reverse)
  • è un indicatore statistico di tipo lagging
  • PPO (Percentage Price Oscillator)
  • è un indicatore di trend simile al MACD mostra la differenza tra le due medie mobili, utilizzando in questo caso i valori percentuali
  • SMA (Simple Moving Average)
  • è un indicatore statistico di tipo lagging, calcolato sommando gli ultimi N periodi di chiusura dei prezzi e dividendo il risultato ottenuto, per N
    SMA (10 periodi) = (PC1 + PC2 + PC3 + PC4 + PC5 + PC6 + PC7 + PC8 + PC9 + PC10)/10

Indicatori di volume

  • Volume
  • grandi volumi indicano la forte presenza di investitori e trader, scarsi volumi indicano scarso interesse, il volume indica la forza del trend, a prescindere dalla sua direzione

Indicatori di momentum

  • Commodity Channel Index
  • è un oscillatore statistico della famiglia dei cosiddetti indicatori leading(indicatori con l'obbiettivo di prevedere statisticamente l’andamento futuro dei prezzi in base ai precedenti storici), utilizzato per identificare le condizioni di ipercomprato/ipervenduto
  • Oscillatore Stocastico
  • indicatore utilizzato per individuare le situazioni di mercato definite come ipercomprato o ipervenduto
  • Relative Strength Index (RSI)
  • è un indicatore statistico utilizzato come indicatore di momentum rispetto alle fasi di iper-venduto o iper-comprato
  • Trix
  • è un indicatore che può essere utilizzato per riconoscere eventuali punti di inversione all’interno di un trend, è un indicatore di momentum che misura anche la variazione del rate of change

Indicatori di volatilità

  • Average True Range
  • è un misuratore della volatilità, è calcolato come media mobile dell’ampiezza dei prezzi di un determinato periodo
  • Bande di Bollinger
  • è un indicatore di intensità dei movimenti, in termini di scambi, valuta la volatilità del mercato
  • Keltner Channel
  • Volatilità
  • è il rapido movimento del prezzo, in qualsiasi direzione e in un arco temporale breve. La scarsa volatilità indica che il prezzo rimane confinato entro un determinato range di prezzi senza grosse variazioni

Indicatori di ciclo

  • Teoria delle Onde di Elliot
  • è usata per identificare i cicli, la teoria di Elliot dice che il mercato si muove seguendo il 5-3 WAVE PATTERN, costituito da 5 onde dette di impulso e 3 onde di correzione, viene molto utilizzata


Live Currency Cross Rates

crea un account


Pin it